Il profilo di mercato

Il profilo di business e quello finanziario di una società aiutano a definire la bontà intrinseca di un investimento e la sua rischiosità. Lo studio del profilo di mercato invece ci indica se è il momento giusto per investire in quella società e verso quale prezzo obiettivo il titolo si dirigerà nei prossimi mesi.

Il profilo di mercato

Il profilo di business e quello finanziario di una società aiutano a definire la bontà intrinseca di un investimento e la sua rischiosità. Lo studio del profilo di mercato invece ci indica se è il momento giusto per investire in quella società e verso quale prezzo obiettivo il titolo si dirigerà nei prossimi mesi.

L’elemento fondamentale su cui si basa l’analisi del profilo di mercato è la valutazione del valore di una società. Esistono molteplici metodi di valutazione, anche se quello più utilizzato nel mondo delle banche d’affari è senza dubbio quello dei multipli di mercato.

I multipli di mercato

I multipli di mercato sono degli indici finanziari presi da società comparabili nello stesso settore o calcolati sui valori storici della società, che vengono confrontati con i valori attuali della stessa società per capirne il suo valore target ad un determinato periodo (ad oggi, tra un anno, due anni, etc…).

Multipli elevati possono indicare che il mercato si aspetta una forte crescita per quella società, ma potrebbero anche voler dire che la società è sopravvalutata.

Di seguito i multipli di mercato più utilizzati nel mondo della finanza aziendale:

  1. Prezzo / Utili (P/E o Price/Earnings): questo multiplo divide il prezzo del titolo di una società per l'utile netto per azione (ovviamente è applicabile solo se l’azienda è in profitto). Confrontando i P/E di altre società dello stesso settore o quello medio storico della società su cui state investendo, vi aiuterà a capire se la stessa in questo momento è sopravvalutata o meno.
  2. PEG ratio: per società che si caratterizzano per tassi di crescita elevati, il multiplo P/E potrebbe essere fuorviante. Per questo si tende a utilizzare il PEG (Price/Earnings/Growth, ovvero Prezzo/Utili/Crescita). Tale indice è il rapporto del multiplo P/E diviso il tasso di crescita atteso il prossimo anno (moltiplicato per 100). Ad esempio, se un’azienda ha un P/E di 20x e gli analisti si attendono una crescita degli utili del 20% il prossimo anno, allora il suo PEG ratio sarà pari a 1x. Generalmente, società con valori parecchio sopra 1x tendono ad essere “sovrapprezzate”, anche se in questi casi la comparazione con indici di altre società simili è d’obbligo.
  3. Enterprise Value / Ebitda: è il valore di un'azienda nel suo complesso, compreso il suo indebitamento. Viene calcolato come capitalizzazione di mercato (valore del titolo * numero di azioni) + Posizione Finanziaria Netta. Tale valore viene quindi diviso per l’Ebitda. Ancora una volta, confrontando gli EV/Ebitda di altre società dello stesso settore o quello medio storico della società su cui state investendo, vi aiuterà a capire se la stessa in questo momento è sopravvalutata o meno.
  4. P/BV (Price/Book Value o Prezzo/Valore Contabile): questo indice mette in rapporto il prezzo di un’azione con il suo valore contabile del Patrimonio Netto di competenza degli azionisti diviso il numero di azioni in circolazione. L’indice non è sempre utilizzabile, in quanto alcune società straniere possono avere Patrimonio Netto negativo (es. McDonald’s) o avere un Patrimonio Netto in diminuzione (come Apple, che distribuisce grandi quantità di denaro agli azionisti tramite buy-back di azioni).
  5. P/Revenues (P/R o Prezzo/Ricavi): questo indice è utilizzato molto spesso per le c.d. “growth stocks” ovvero società a forte crescita che però sono ancora altrettanto fortemente in perdita e pertanto risulta impossibile utilizzare tutti gli altri indici di mercato. Esso si calcola come Capitalizzazione di Mercato in rapporto ai Ricavi della società. Una volta ottenuto il valore dell’indice è necessario metterlo a confronto con società (possibilmente dello stesso settore) che hanno tassi di crescita del fatturato comparabile all’azienda che state guardando. Questo vi aiuterà a capire se la vostra società è prezzata correttamente o meno.

Per qualsiasi domanda non esitare a contattarmi o a lasciare un commento!

Francesco di Renegade Insider Finanza