Società di persone o società di capitali?

Nel precedente articolo ti ho presentato le varie tipologie di società previste dal nostro ordinamento che, come ricorderai, sono da distinguersi fra società di persone e società di capitali. In questo articolo voglio approfondire il tema della fiscalità e come questo sia da tenere fortemente in considerazione quando scegli se fondare una società di capitali o una società di persone.

Società di persone e di capitali

Le società di persone sono considerate fiscalmente trasparenti, questo significa che gli utili della società sono tassati come redditi Irpef in capo ai soci (in base alla percentuale di partecipazione agli utili di ciascun socio) anche se non sono effettivamente distribuiti ai soci.

Gli utili prodotti dalle società di capitali sono invece soggetti all’Ires (imposta sui redditi delle società) che prevede un’aliquota fissa del 24%. Se però questi utili vengono distribuiti ai soci, sulla parte distribuita, pesa una imposta sostitutiva del 26%.

Contributi dovuti dai soci e IRAP

Un’altra grande differenza “fiscale” riguarda i contributi che devono pagare i soci. Nelle società di capitali infatti bisogna distinguere fra:

  • Soci investitori: non lavorano nella società né la gestiscono. Non devono pagare contributi previdenziali.
  • Soci amministratori: devono essere iscritti alla Gestione Separata Inps e quindi pagano i contributi sulla base dei compensi che ricevono. Non possono lavorare nella società, possono solo svolgere il loro ruolo da amministratori.
  • Soci lavoratori: devono essere iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti dell’Inps che prevede il pagamento di quattro rate (una ogni tre mesi) che coprono un reddito di 15.953 euro, sull’eccedenza si devono pagare contributi ad un’aliquota del 24% se si svolge attività artigianale e del 24,09% se si svolge attività commerciale (aliquote Inps 2020). La base imponibile è costituita dalla parte del reddito d’impresa della SRL corrispondente alla quota di partecipazione agli utili a prescindere dall’effettiva distribuzione degli stessi, al socio.

Anche i soci delle società di persone, tranne in casi particolari in cui non prestano in alcun modo attività lavorativa nella società, devono essere iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti dell’Inps.

I contributi previdenziali dei soci giocano un ruolo importantissimo perché mentre sono oneri deducibili per i soci di società di persone non lo sono per i soci delle società di capitali!

Infine, sia che si tratti di società di persone sia che si tratti di società di capitali, la società è soggetta all’Irap (imposta regionale sulle attività produttive) che colpisce il reddito della società con un’aliquota del 3,9%.

Esempio

Ti presento adesso un esempio per mostrarti quanto sia tassato l’utile nel caso in cui sia prodotto da una SNC e nel caso invece in cui sia prodotto da una SRL che sono le alternative più gettonate. Prendiamo per esempio delle società con due soci che si dividono gli utili al 50% e che vivano grazie alla loro attività (utili tutti distribuiti).

Nell’esempio per il calcolo dei contributi sull’eccedenza di reddito ho considerato le aliquote degli artigiani (24%) e non quelle dei commercianti (24,09%), ovviamente se la società svolgesse attività non artigiana ma di commercio si dovrebbe utilizzare l’altra aliquota. Per semplificare ho considerato l’Irap identica fra la SRL e la SNC anche se ci sono piccole differenze.

Tabella Tassazione SNC

Tabella Tassazione SRL

Vediamo quindi che su redditi medi o bassi la Snc è fiscalmente più conveniente della Srl. Le cose possono cambiare per redditi dai 250.000/300.000 euro in su.

Altra variabile importante è costituita dalla remunerazione dei soci di Srl tramite il pagamento di compensi per l’attività di amministratore svolta a favore della Srl stessa.

Immagino che dopo aver letto i miei articoli sul funzionamento delle società sarai molto combattuto sullo scegliere se costituire una società di persone o una di capitali perché se da un lato la società di capitali è meglio per la responsabilità limitata dall’altro lato la società di persone è, a livelli di reddito non elevati, più conveniente fiscalmente. Esiste però una possibilità molto interessante di poter avere la responsabilità limitata e allo stesso tempo i “vantaggi” fiscali di una SNC: la SRL trasparente. Di questa particolare possibilità mi occuperò in un articolo futuro.

Per qualsiasi approfondimento e dubbio o per una consulenza non esitare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. !

Lorenzo Stagno di Studio Stagno Dottori Commercialisti