Assicurazioni: a cosa servono veramente e per cosa vanno usate

Nel precedente articolo abbiamo parlato di alcuni prodotti di investimento assicurativi, appartenenti ai Rami I e Ramo III, se non lo avete già fatto vi consiglio caldamente di andare a leggerlo, lo trovate qui: I prodotti di investimento assicurativo "IBIP".

In una corretta pianificazione finanziaria la destinazione delle risorse per la copertura assicurativa va messa con precedenza rispetto all’investimento dei nostri risparmi. Quindi, prima viene l’assicurazione e poi l’investimento nei mercati finanziari secondo i propri obiettivi ed esigenze.

Le istituzioni assicurative

Le istituzioni assicurative sono un perno centrale e fondamentale nell’economia e svolgono un ruolo importante per ogni risparmiatore e cittadino, ma come ogni cosa va attentamente valutata ogni possibilità e opzione per le nostre esigenze. Per definizione “L’assicurazione è il contratto col quale l'assicuratore, verso il pagamento di un corrispettivo, detto premio, si obbliga a rivalere l'assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana”. Il Codice Civile così definisce all'art. 1882 il contratto di assicurazione, distinguendo le due tipologie contrattuali che riguardano l'assicurazione contro i danni e contro la vita. Nella pratica, le assicurazioni hanno due rami principali: Ramo Danni e Ramo Vita.

Il Ramo Vita è stato oggetto del precedente articolo e in queste ci occuperemo del ramo Danni.

Il ramo danni

Contrarre una assicurazione corretta è un’ottima decisione al fine di proteggere i propri risparmi e le proprie finanze nonché proteggere i propri beni e oggetti in possesso. Usare correttamente l’assicurazione significa sapersi proteggere da un evento poco probabile che potrebbe avere enormi conseguenze economiche attraverso il pagamento di un premio. Una assicurazione Ramo Danni ci protegge dunque da rovine finanziarie che potrebbero capitarci in seguito alla premorienza del padre di famiglia, della malattia grave, di infortuni molto invalidanti e altri eventi che ci possono togliere per molto tempo dal lavoro. Queste ultime tutelano l’assicurato da eventi che danneggiano il suo patrimonio o le sue possibilità di guadagno, ripristinandone la consistenza attraverso la liquidazione del risarcimento.  Nello specifico il Ramo danni è suddiviso in 18 casistiche che possono essere riassunte in 3 rami elementari:

  • Danni contro le cose: coperture assicurative contro quegli eventi che possono comportare danni a veicoli, abitazioni o a qualunque altro bene fisico faccia parte del patrimonio dell’assicurato, danneggiato da accadimenti come furto o incendio;
  • Danni contro le persone: le polizze che offrono una garanzia nei casi di infortunio o malattia, eventi che potrebbero impedire all’assicurato di lavorare, ad esempio, e che comunque in generale causano disagi economici e difficoltà che potrebbero ripercuotersi sull’intero nucleo familiare;
  • Danni contro il patrimonio: tutelano l’assicurato contro il rischio di una variazione negativa del patrimonio complessivo dovuta a richieste di risarcimento per danni provocati involontariamente a terzi, vedi la responsabilità civile per l’auto nota come RC Auto e anche altre RC professionali. Include anche la copertura sui rischi commerciali e finanziari nel settore creditizio per le imprese.

Dopo aver visto queste categorie macro del ramo danni vorrei consigliare alcune polizze che sono molto importanti per qualsiasi persona portatrice in una famiglia o comunque per ogni lavoratore:

  • TCM: Temporanea Caso Morte, questa polizza assicura la liquidazione di una somma prestabilita al momento del contratto per i beneficiari del contraente nel caso di premorienza del contraente entro i termini stabiliti dal contratto. E’ consigliata a tutti i genitori che vogliono assicurare la maggior libertà finanziaria agli eredi perché la mancanza di un reddito costante nell’economia familiare può avere gravi ripercussioni, perciò questa TCM è un must da avere come assicurazione per il tenore di vita dei propri familiari.
  • LTC: Long term care, questa polizza copre il rischio di perdita di autosufficienza da parte del contraente, che si trova con una somma a disposizione per poter pagare una badante per l’assistenza in tarda età nel caso di non-autosufficienza. Questa polizza è pensata per non gravare sui familiari per spese mediche e assistenze.
  • Infortuni: questa polizza copre l’inabilità temporanea, l’invalidità permanente o la morte, nel caso in cui tali eventi siano conseguenza diretta ed esclusiva di altro evento (l’infortunio) identificabile necessariamente come: fortuito (non prevedibile e inevitabile) o violento ed esterno (non rinvenibile all'interno dell'organismo: la malattia, ancorché improvvisa, come ad esempio l'infarto, non rientra in tale categoria). Puoi stipulare questa polizza per tutelarti da infortuni che potrebbero verificarsi durante: la circolazione su un veicolo, l’orario lavorativo, il tempo libero o tutta la giornata. Questa polizza ci garantisce con la liquidazione un capitale utile per mantenerci durante la nostra distanza dal lavoro ed è consigliata caldamente a tutti i liberi professionisti e imprenditori.
  • Malattia: questa polizza offre una copertura assicurativa in caso di malattia, allo scopo di fornirti un sostegno economico. Per "malattia" si intendono le alterazioni dello stato di salute che non dipendono da un infortunio, ovvero non attribuibili a una causa esterna, fortuita e violenta. A seconda del tipo di copertura, ottieni il rimborso delle spese sostenute a causa di malattia o intervento chirurgico; ricovero presso ospedali e case di cura. Ricevi un indennizzo giornaliero per il periodo di degenza nell’Istituto di cura; nell’ipotesi di invalidità permanente derivante dalla malattia stessa. Ricevi una liquidazione in caso di invalidità permanente dovuta a malattia.
    La polizza malattia può essere:
    • individuale: il contratto è sottoscritto da te per te stesso ed eventualmente per i componenti del tuo nucleo familiare;
    • collettiva: il contratto è sottoscritto da un datore di lavoro o da un’associazione per assicurare i suoi dipendenti o associati. Questa polizza andrebbe sottoscritta in abbinamento alla polizza infortuni sopra descritta.

Nel precedente articolo vi ho spiegato e mostrato come le polizze vendute dalle assicurazioni sono una inefficiente combinazione di coperture assicurative standard e investimenti finanziari poco redditizi e molto costosi.

Un esempio pratico

A conclusione di questo focus sul mondo assicurativo vorrei finire con una tabella che fa una comparazione tra una polizza unit-linked caso morte e una polizza TCM con un investimento finanziario tramite ETFs. Vengono presi in considerazione tre orizzonti temporali diversi e i risultati della liquidazione del capitale nei vari casi con i costi annessi.

In caso di premorienza gli investimenti finanziari vengono legalmente ereditati dai familiari come attività liquide, senza troppe problematiche legali di successione.

Ipotizziamo di avere a disposizione 10 mila euro iniziali. Le prime due colonne mostrano i costi sostenuti dal risparmiatore nel caso in cui compri una polizza unit-linked caso morte o nel caso in cui compre una polizza TCM e il restante dei soldi attua un investimento finanziario. La polizza Vita in caso di premorienza del contraente assicura una liquidazione di un certo capitale con una piccola maggiorazione circa 1% purtroppo però va tolto il costo del premio e il costo di questa maggiorazione. Per l’investitore risulta perciò conveniente e razionale usare 50 euro per la TCM e i restanti 9950 euro con etfs nel proprio portafoglio. Come vedete i costi si riducono del 90% quasi adoperando questa scelta per il risparmiatore, assicurandogli allo stesso tempo una liquidazione maggiore in caso di decesso tramite la TCM e gli investimenti in Etf rispetto alla sola Polizza unit-linked caso morte. Si riparmia il 90% dei costi per ottenere 3 volte il valore della liquidiazione finale in caso di premorienza. Un discorso analogo può essere fatto con la Polizza Rivalutabile di Ramo I dove si trova la Gestione Separata.

Tabella Confronto Polizze Vita e TCM+ETF

L’aritmetica non mente mai e una scelta efficiente e razionale vi permette di dormire sogni tranquilli sapendo di aver organizzato al meglio le vostre finanze per voi e i vostri affetti più cari. Perciò state attenti a tutte le proposte che vi fanno in banca e nelle assicurazioni, ricordatevi soprattutto di non firmare ciò che non avete capito e compreso al 100%.

Hai dubbi sull'efficienza o la pianificazione del tuo portafoglio di investimenti? Clicca qui e compila il modulo!

Davide Berti, consulente finanziario

Se vuoi rimanere aggiornato sui contenuti finanziari in tempo reale seguimi sulla mia pagina instagram!