Il danno che può fare un Piano Individuale Pensionistico costoso alla tua pensione

Difficoltà:

Tempo di lettura: 6 min

Il sistema pensionistico italiano si basa su tre pilastri: la previdenza pubblica, la previdenza complementare collettiva e la previdenza complementare individuale.

Per quanto concerne la previdenza pubblica, complici molte problematiche endemiche del Paese, il futuro sembra ormai ben delineato con un’età pensionabile che continuerà ad aumentare con il passare degli anni e con il tasso di sostituzione che tenderà a decrescere (https://davideberti.it/blog/il-problema-del-sistema-pensionistico-italiano-e-l-importanza-della-previdenza-complementare). 

Affiancare una forma di previdenza complementare alla previdenza pubblica sembra essere quindi scelta saggia da intraprendere fin dalla giovane età, scelta finalizzata alla costruzione di un tesoretto che vada a garantire una rendita e/o un capitale integrativi della pensione pubblica che da sola potrebbe non bastare. 

Il pilastro della previdenza complementare, in forma collettiva o in forma individuale, assume quindi grande rilevanza per il lavoratore che, aderendo ad una forma di previdenza complementare e versando contributi va ad usufruire di importanti vantaggi. 

I vantaggi di aderire ad una forma di previdenza complementare sono molteplici e vanno dalla deducibilità fiscale dei versamenti effettuati (fino ad un massimo di 5164,57€) alla tassazione agevolata sulle plusvalenze. Scopo di questo approfondimento non è trattare i vantaggi di versare contributi volontari in una forma di previdenza complementare in quanto tema già trattato in altri precedenti contenuti (https://davideberti.it/blog/fondo-pensione-pac-o-entrambi-quali-logiche-seguire-per-la-scelta). 

Aderire ad una forma di previdenza complementare, oltre ai vantaggi di breve periodo, è fondamentale al fine di crearsi un montante negli anni che vada a colmare quel gap che ci sarà tra l’ultimo stipendio che si percepirà e la pensione. Come aderire ad una forma di previdenza complementare? 

Esistono tre vie per aderire alla previdenza complementare: 

  1. I fondi pensione negoziali, o chiusi (FPN); 
  2. I fondi pensione aperti (FPA);
  3. I piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP).

I fondi pensione negoziali sono fondi pensione destinati a specifiche categorie di lavoratori e la principale peculiarità risiede nel fatto che tale forma di previdenza complementare sia stata istituita dai rappresentati dei lavoratori e dei datori di lavoro nell’ambito della contrattazione collettiva nazionale, aziendale o di settore. L’adesione al proprio fondo pensione negoziale di categoria comporta il vantaggio ulteriore di poter beneficiare del contributo del datore di lavoro alla propria posizione previdenziale in caso di versamento volontario di una percentuale minima della propria RAL. 

Per coloro che non avessero un fondo pensione negoziale di categoria in cui effettuare i versamenti volontari esistono due alternative: i fondi pensione aperti (FPA), che per definizione sono essere sottoscritti da chiunque e non da una particolare categoria di lavoratori, e i piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP), forma pensionistica realizzata attraverso un contratto di assicurazione sulla vita. 

Scopo di questo approfondimento è analizzare l’impatto che l’adesione ed il versamento di contributi volontari ad un PIP oneroso può avere nel lungo periodo sul capitale. Andiamo con ordine e partiamo con l’analisi di costi fatti registrare da ogni tipologia di forma di previdenza complementare a seconda del comparto, dove il comparto indica la rischiosità dell’investimento con il comparto garantito che indica bassa volatilità e bassi rendimenti attesi e il comparto azionario che indica una volatilità attesa ed un rendimento atteso maggiori. 

La tabella 1 mostra l’ISC medio a 10 anni per tipologia di comparto delle tre forme di previdenza complementare appena descritte. 

Tabella 1 – ISC medio a 10 anni per forma di previdenza e comparto

Tipologia di comparto

ISC - 10 anni

ISC (costo percentuale annuo)

Garantito (GAR) 

ISC medio fondi pensione negoziali (FPN)

0,72

ISC medio fondi pensione aperti (FPA)

1,20

ISC medio piani pensionistici individuali di tipo assicurativo (PIP)

1,86

ISC minimo

0,25

ISC massimo

2,58

Obbligazionario (OBB)

ISC medio fondi pensione negoziali (FPN)

0,39

ISC medio fondi pensione aperti (FPA)

1,07

ISC medio piani pensionistici individuali di tipo assicurativo (PIP)

1,94

ISC minimo

0,14

ISC massimo

2,70

Bilanciato (BIL)

ISC medio fondi pensione negoziali (FPN)

0,38

ISC medio fondi pensione aperti (FPA)

1,45

ISC medio piani pensionistici individuali di tipo assicurativo (PIP)

2,13

ISC minimo

0,11

ISC massimo

2,90

Azionario (AZN)

ISC medio fondi pensione negoziali (FPN)

0,40

ISC medio fondi pensione aperti (FPA)

1,72

ISC medio piani pensionistici individuali di tipo assicurativo (PIP)

2,66

ISC minimo

0,23

ISC massimo

4,07

Fonte: https://www.covip.it/per-gli-operatori/fondi-pensione/costi-e-rendimenti-dei-fondi-pensione/valori-medi-degli-isc

Come mostrato dalla tabella 1, mediamente i PIP hanno costi annui più elevati rispetto a Fondi pensione aperti e fondi pensione negoziali, con il costo che aumenta all’aumentare della rischiosità del comparto.

Per capire l’impatto dei costi di una forma di previdenza complementare inefficiente farò l’esempio confrontando i costi annui di adesione ad un PIP rispetto ai costi annui di adesione ad un FPA, ipotizzando rendimenti attesi analoghi e quindi andando a considerare il medesimo comparto.

L’immagine 1 mostra il costo medio per il comparto azionario delle tre forme di previdenza complementare. 

Immagine 1 – ISC medio per le forme di previdenza, comparto azionario

 172.1

Fonte: https://www.covip.it/isc_dinamico/

Come mostra l’immagine 1, il costo medio annuo di un PIP detenuto per 35 anni è pari a circa il 2.1%, valore ben al di sopra del costo medio di FPA (circa 1.5%) e di PFN (inferiore allo 0,3%). 

Al fine di capire l’impatto del maggior costo dei PIP simuliamo lo scenario di un ragazzo di 25 anni che per 35 anni decide di destinare i propri versamenti volontari ad un PIP con costo medio del 2.1% e ad un FPN con costo medio dello 0,3%, entrambi con rendimento lordo medio annuo atteso del 5%.

Immaginiamo che il ragazzo dell’esempio versi 5000€ all’anno per 35 anni e vediamo l’impatto dei costi sul montante a scadenza.

Nel caso del PIP più della metà del rendimento viene eroso dai costi, con il montante lordo a scadenza che si attesterà a poco meno di 265.000€. Nel caso invece di versamenti nel fondo pensione negoziale di categoria, il montante lordo a scadenza sarà pari a poco più di 469.000€

Il differenziale di montante a distanza di 35 anni è significativo e ci fa capire l’importanza della scelta di una forma pensionistica previdenziale efficiente e con costi annui contenuti. L’esempio proposto ha considerato valori medi di costo ed un analogo rendimento lordo annuo prudenziale sui 35 anni e scopo di tale approfondimento non è fare simulazioni con specifici fondi (https://funds12.previnet.it/cai-w-psimula/previdenziale.html#/previdenziale) quanto piuttosto mostrare l’impatto che i costi annui hanno sul rendimento potenziale di lungo periodo.

La stessa Covip, la Commissione di vigilanza sui Fondi Pensione, nella propria pagina di presentazione del comparatore dei costi delle forme pensionistiche complementari allerta il risparmiatore informandolo di come un costo annuo del 2% anziché dell’1% in 35 anni può ridurre il capitale maturato di circa il 18% (https://www.covip.it/isc_dinamico/). 

Abbiamo visto dall’esempio proposto come sia importante la scelta della propria forma previdenziale complementare in quanto, una scelta errata, potrebbe avere un costo opportunità significativo nel lungo periodo. È importante iniziare a pensare alla pensione fin da giovani ma è bene farlo scegliendo i giusti strumenti.

Resto a disposizione per qualsiasi dubbio o domanda.

Hai dubbi sull'efficienza o la pianificazione del tuo portafoglio di investimenti? Clicca qui e compila il modulo!

Davide Berti, consulente finanziario

Se vuoi rimanere aggiornato sui contenuti finanziari in tempo reale seguimi sulla mia pagina instagram!

Pensione e previdenza integrativa

Pensare alla propria pensione fin da giovani è fondamentale al fine di garantirsi un futuro sereno. La previdenza integrativa è un pilatro fondamentale del sistema pensionistico italiano e ha lo scopo di incentivare gli investitori all’accantonamento di una somma per contribuire alla costruzione di un capitale integrativo della pensione pubblica. PAC e fondo pensione sono i principali strumenti per la costruzione di un capitale in ottica di lungo periodo ed in questa sezione troverai contenuti importanti per comprendere l’importanza della previdenza integrativa e di pensare fin da giovani al futuro.

Gli ultimi articoli dal blog

  • Come la banca centrale influenza i tuoi investimenti 2024-07-10

    Gli ultimi anni sui mercati finanziari ci hanno insegnato il ruolo fondamentale delle aspettative e l’impatto che hanno sui corsi dei mercati azionari e obbligazionari. In questo approfondimento andremo ad analizzare cos’è e come potenzialmente influenza l’andamento dei tuoi investimenti una banca...

    Leggi tutto …

  • Storie di grandi investitori: John Bogle 2024-07-03

    “John ha fatto più per l’intera comunità degli investitori americani di chiunque altro io conosca.” Queste sono le parole che Warren Buffett ha riservato a John Bogle in un’intervista alla CNBC poco dopo la sua scomparsa. Fondatore del Vanguard Group, John Bogle ha gettato le basi per un nuovo...

    Leggi tutto …

  • Spiegazione tecnica del film “Margin Call” 2024-06-26

    Il mondo della finanza è spesso rappresentato come un terreno fertile per storie intriganti e cariche di tensione ma pochi film catturano questa atmosfera tanto bene quanto " Margin Call ".

    Leggi tutto …

  • Short selling: cos’è e quali i rischi comporta 2024-06-19

    Molti investitori cercano di trarre profitto acquistando azioni ad un prezzo basso per poi rivenderle ad un valore più alto. Sul mercato, però, esistono anche operatori che fanno l’esatto opposto: ottenere guadagni dalle azioni che diminuiscono di valore. Tale pratica prende il nome di “short...

    Leggi tutto …

Mission

In un mondo basato sulle dinamiche economiche, dove troppo spesso le conoscenze finanziarie sono limitate o assenti, verificare la professionalità di un consulente è necessario quanto difficile. Per questo affianco al mio lavoro questo progetto di consapevolizzazione.

Mission

In un mondo basato sulle dinamiche economiche, dove troppo spesso le conoscenze finanziarie sono limitate o assenti, verificare la professionalità di un consulente è necessario quanto difficile. Per questo affianco al mio lavoro questo progetto di consapevolizzazione.