Cos’è lo spread e perché il suo aumento è un problema

Con lo scoppio della guerra in Ucraina e le crescenti pressioni inflazionistiche che stanno travolgendo il mondo, i principali notiziari e i principali quotidiani di stampo economico sono tornati a parlare di spread.

Ma cos’è lo spread e perché è un indicatore tanto importante da considerare?

Il termine spread, traducibile con “differenziale”, indica la differenza di rendimento tra i titoli di Stato italiani con scadenza decennale (Btp a 10 anni) e i titoli di Stato tedeschi con la medesima scadenza (Bund a 10 anni).

I Btp a 10 anni, ma in generale tutti i titoli di stato con differenti scadenze, quali ad esempio i BOT e i CTZ, sono titoli obbligazionari emessi dallo stato italiano al fine di raccogliere risorse per finanziare il proprio debito pubblico. L’emissione sul mercato interno è regolata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e possono essere sottoscritti sia da investitori pubblici, sia da investitori istituzionali, i quali acquistano i titoli di Stato in cambio della promessa di un rendimento.

Per il calcolo dello spread vengono considerati come riferimento i rendimenti lordi del Btp con scadenza decennale e del Bund con la medesima scadenza. Ad esempio, se il rendimento del Btp decennale è pari al 3% e il rendimento del Bund decennale è pari all’1%, il differenziale di rendimento tra i due titoli è del 2%, o di 200 punti base.

Viene comunemente usata la scala di misura in punti base e non in percentuale perché generalmente piccole variazioni tra i rendimenti hanno importanti effetti sui mercati obbligazionari (e a cascata su tutti i mercati).

Chiarito cos’è lo spread e la scala di misura, il grafico che segue mostra l’andamento dei tassi di interesse a 10 anni dei titoli di stato italiani e tedeschi nel periodo compreso tra il 2008 e l’aprile del 2022.

Interest rates Long term interest rates OECD Data

Fonte: Interest rates - Long-term interest rates - OECD Data

Come mostra il grafico, la differenza tra i rendimenti dei titoli di stato italiani e tedeschi con scadenza decennale, nel novembre 2011 ha raggiunto i 574 punti base (5,74%), in scia a diversi eventi, quali:

  • la crisi dei debiti sovrani;
  • le politiche di austerity (di restrizione) messe in atto per contenere la spesa, che hanno affossato un’economia già traballante;
  • l’incertezza sul fronte di politica interna.

Da ciò si comprende come le variazioni dei rendimenti dei titoli di stato di un Paese dipendano da molteplici variabili, riconducibili essenzialmente a quanto viene percepito rischioso l’investimento nel debito di un Paese e al grado fiducia risposta dagli investitori nel Paese circa la capacità di ripagare i debiti assunti.

Con l’aumento dello spread, e quindi quando l’aumento dei rendimenti sui titoli di stato italiani con scadenza decennale è maggiore dell’aumento dei rendimenti sui titoli di stato tedeschi con la medesima scadenza, aumenta il rischio Paese dell’Italia, percepito come investimento tanto più rischioso tanto più aumenta lo spread.

A partire dall’estate 2012 lo spread ha iniziato la sua fase di declino per via delle politiche monetarie espansive introdotte dalla BCE: aprire i rubinetti del credito è stata una soluzione concreta che ha contribuito a stimolare l’economia, abbassando lo spread e riducendo la percezione del rischio Paese dell’Italia.

Perché oggi lo spread sta risalendo?

Dopo l’insediamento di Mario Draghi a presidente del Consiglio, lo spread, complice una ritrovata fiducia degli investitori nell’Italia, è sceso sotto quota 100.

Dall’inizio dell’anno, sia i rendimenti sul decennale tedesco, sia quelli sul decennale italiano, sono tornati a salire, scontando l’aumento dei tassi che metterà in atto la BCE al fine di frenare le spinte inflazionistiche.

Complice l’elevato livello di indebitamento dell’Italia (rapporto debito pubblico/PIL circa pari al 150%), un aumento massiccio dei tassi potrebbe essere particolarmente rischioso per il Paese, che andrebbe a pagare maggiori interessi sul nuovo debito emesso per finanziarsi.

La BCE si trova quindi a fronteggiare un’importante sfida: da un lato è chiamata a contenere la crescita dell’inflazione (alzando i tassi d’interesse), dall’altra non deve rialzare velocemente ed eccessivamente i tassi di interesse in quanto potrebbe complicare le dinamiche dei Paesi dell’area euro che hanno un livello di indebitamento elevato.

Comprendere lo spread e le dinamiche che lo influenzano è molto importante al fine di riuscire a capire le dinamiche macroeconomiche che riguardano l’Italia e l’Europa.

Resto a disposizione per qualsiasi dubbio o domanda.

Hai dubbi sull'efficienza o la pianificazione del tuo portafoglio di investimenti? Clicca qui e compila il modulo!

Davide Berti, consulente finanziario

Se vuoi rimanere aggiornato sui contenuti finanziari in tempo reale seguimi sulla mia pagina instagram!

Mission

In un mondo basato sulle dinamiche economiche, dove troppo spesso le conoscenze finanziarie sono limitate o assenti, verificare la professionalità di un consulente è necessario quanto difficile. Per questo affianco al mio lavoro questo progetto di consapevolizzazione.

Mission

In un mondo basato sulle dinamiche economiche, dove troppo spesso le conoscenze finanziarie sono limitate o assenti, verificare la professionalità di un consulente è necessario quanto difficile. Per questo affianco al mio lavoro questo progetto di consapevolizzazione.

Domande?Dubbi?Problemi?Leggi le Domande Frequenti!

Domande?Dubbi?Problemi?Leggi le Domande Frequenti!